martedì 7 aprile 2009

Una crostata per Mauro e Daniela...


Adoro le crostate e ultimamente mi ci sto dedicando parecchio perchè sono alla ricerca della frolla perfetta....e detto da un'archeologa sa tanto di santo graal & Co...
Stavolta ho realizzato una crostata per degli amici speciali, ottimi cuochi e miei fans-sostenitori...che mi seguono da...nientepopodimeno che...Il Cairo. Li ho già plurinominati perchè quando si hanno dei fans così non si devono trascurare!!!!!...ricordate?!!
A cena c'era solo una metà dell'indistruttibile coppia, l'altra parte del cielo arriverà presto e spero di poter far assaggiare anche a lei uno di quei dolcetti che vede nel suo pc laggiù nel caldo sud!
"Carissimi non ve l'aspettavate che vi avrei dedicato un post, eh?!?!!!!"

La ricetta viene da questo libro, primo volume della Scuola di Pasticceria, che esce ogni venerdì con il Corriere della sera: lo trovo molto ben fatto e ve lo consiglio!!!
Ho utilizzato un'ottima marmellata di mandarini sicliana che mi è stata spedita dagli amici della Compagnia dei Cavatappi, ricordate il mio post a loro dedicato? Beh il pacco omaggio mi è già arrivato...gnam gnammmmm...all'altezza delle aspetative...cliccate anche voi!!!!!


Ingredienti:
100 gr burro temperatura ambiente (forse la prossima volta ne metterò un po' meno)
125 gr zucchero a velo
250 gr farina
2 tuorli
buccia grattuggiata di limone
1 pizzico di sale

Procedimento:
Far ammorbidire il burro a temperatura ambiente, non deve essere troppo morbido: prenderne un pezzeto tra le dita se si piega senza spezzarsi va bene. Unire al burro metà dello zucchero pzzicando, quindi disporre la farina a fontana e in mezzo mettere il burro, il resto dello zucchero, i tuorli, il limone, il sale, unire lavorando abbastanza velocemente per non scaldare l'impasto. Se si scalda...ehm come è successo a me, vedrete chel'impasto rimane in briciole senza unirsi, allora si deve farecosì: raffreddate le mani mettendole sotto l'acqua gelata (o iuna ciotolina con del ghiaccio ma io non l'avevo...), poi ascigatele e unite all'impasto un cucchiaio di acquagelata. Ora lavorate ancora un po' con le manine belle fresche fesche e vedrete che la palla si forma. Avvolgere nella pellicola trasparente e far riposare in frigo almeno mezz'ora...nel io caso tutta la notte.
L'indomani ho tolto dal frigo l'impasto un'oretta buona prima di fare la mia bella crostata!
Poi ho proceduto nel solito modo, usando 3/4 d'impasto per la base e il resto per le strisce.
Forno fradizionale a 180°per 35 minuti!

8 commenti:

Mary ha detto...

buona questa crostata cosi invitante!

manu e silvia ha detto...

Davvero un bel pensiero perchè questa crostata è semplicemente perfetta!!
bacioni

Federica ha detto...

Deliziosa!

Mirtilla ha detto...

che buona!!!

stefi ha detto...

Sembra davvero appetitosa questa crostata, prego una fetta!!!!!!!

Pippi ha detto...

buona la crostata!!! ma devo dire che me gustano mucho anche le cose che hai postato in questi giorni.....le tortine di linzer alla nocciola devono essere favolose!!! sai che ho provato anch'io a fare la lintzer tort? ho fatto la ricetta di valentina gigli...... devo vedere se è simile a quella che hai fatto tu.... ;-)
un bacino e buona Pasqua
Pippi

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Un augurio di cuore per una Pasqua Serena. Laura

simodg ha detto...

Se e' buona quanto bella siamo a posto!!